Design per città intelligenti del mediterraneo

Giuseppe Lotti

Abstract


L’obiettivo specifico del testo è quello di definire il contributo della disciplina del design - nella sua accezione più ampia di: product, communication and service design – allo scenario delle smart cities. Il tutto con una particolare attenzione al contesto di riferimento - Mediterraneo, per tradizione, mare di mezzo, tra popoli, culture, modelli di sviluppo. Il contributo appare articolato e rientra all’interno delle principali sfide del design. Nella consapevolezza dell’importanza di un collegamento con le altre discipline del progetto che, con logica tran-scalare - pianificazione territoriale ed urbanistica, architettura del paesaggio, architettura - possono contribuire alla complessità delle sfide.

 

Design for mediterranean smart cities

The specific objective of my text is to define the contribution of the design discipline - in its broadest sense of the product, of communication and service design - to the scenario of intelligent cities. All with particular attention to the reference context: the Mediterranean, traditionally, the middle sea, between peoples, culture, models of development. The contribution appears articulated and falls within the main design challenges. In the context of the importance of a connection with the other disciplines of the project, with the multi-level logic - territorial and urban planning, landscape architecture, architecture - use the complexity of the challenges.


Keyword


città intelligenti, interdisciplinarietà, innovazione aperta, identità, Mediterraneo

Full Text

PDF articolo

Riferimenti bibliografici


Antonelli, P. (2019). "Broken nature", in Antonelli, P., Tannir, A., Broken nature XXII Triennale di Milano. Milano: La Triennale di Milano Electa.

Bettega, S. M., Grilli, S. (2009). Less is next: Per un design solidale e sostenibile. Firenze: Edi-zioni La Marina,.

Bianchi, P. (2018). 4.0 La nuova rivoluzione industriale. Bologna: il Mulino.

Branzi, A. (2018). Il design. Storia e controstoria, Firenze: Giunti.

Braudel, F. (2007). La Mediterranée. Parigi: Flammarion, 1985; trad. it. a cura di, G. Socci, Il Mediterraneo. Lo spazio la storia gli uomini le tradizioni. Milano: Tascabili Bompiani.

Canevacci, M. (2014). Sincretismi. Esplorazioni diasporiche sulle ibridazioni culturali. Milano: Costa & Nolan.

Cassano, F. (2003). Il pensiero meridiano. Roma-Bari: Laterza.

Cassano, F., Danilo Zolo, D. (2007). (a cura di), L’alternativa mediterranea, Milano. Mila-no: Feltrinelli.

Cassano, F. (2002). Ragione occidentale, ragione mediterranea. In ww.ilportaledelsud.org.

Celaschi, F., Di Lucchio, L., Imbesi, L. (2017). Editoriale, Design & Industry 4.0 revolu-tion. “MD Journal” n.4.

Di Lucchio, L. (2014). L’intelligenza lenta del design, “diid / Design book” n.58.

Filippini, A., Grigatti, G. (2014). Smart italian design. Un nuovo fururo per design industriale italiano. “diid / Design book” n.58.

Galimberti, U. (1999). Psiche e Techne. L’uomo nell'età della tecnica. Mialno: Feltrinelli.

Greengard, S. (2017). Internet delle cose. Bologna: il Mulino.

Gritti, R., Laurano, P., Bruno, M. (2009). Oltre l’Orientalismo e l’Occidentalismo. La rappre-sentazione dell’Altro nello spazio euro-mediterraneo. Milano: Guerini associati.

Guarracino, S. (2007). Mediterraneo. Immagini, storie e teorie da Omero a Braudel. Milano: Bruno Mondadori.

Latouche, S. (1989). L’occidentalisation du monde. Essai sur le signification, la portée et les limites de l’uniformatisation planétaire. Paris: La Decouverte. Trad.it, a cura di, Salsano, A., L’occidentalizzazione del mondo. Saggio sul significato, la portata e i limiti dell’uniformazione planetaria. Torino: Bollati Boringhieri, 1989.

Mamier, (2016). Un milione di rivoluzioni tranquille. Come i cittadini cambiano il mondo. Roma: Nutrimenti

Manzini, E. (2015). Design, When Everybody Designs: An Introduction to Design for Social In-novation. Cambridge (USA): The MIT press.

Manzini, E., in Bettega, S. M. Grilli, S. (2009). Less is next. Per un design solidale e sostenibi-le, edizioni La marina, Firenze.

McQuaid, M. (2019). Introduction, in McQuaid M., Lipps A., Condell C., Nature: collaborations in Design, New York: Thames And Hudson.

Mincolelli, G. (2017). "Fabbrica digitale e innovazione", Design & Industry 4.0 revolution, "MD Journal n.4.

Paris, T. (2014), L’intelligenza desiderabile, in AA.VV., "Smart design", diid / Design book n.58.

Ranzo, P., Di Roma, A., Sbordone, M.A. (2017, "Il design mediatore di processi di networking", Design & Industry 4.0 revolution, "MD Journal n.4.

Scalera, G. (2015). Il design nella società estemporanea. Trento: List.

Scandurra, E., (2007). Un paese ci vuole. Ripartire dai luoghi. Troina (En): Città Aperta E-dizioni.

Zannoni. M. (2018). Progetto e interazione. Il design degli ecosistemi. Macerata: Quodlibet.


Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution 3.0 License.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu sia d'accordo con i cookie da noi utilizzati. Per maggiori informazioni clicca qui: Privacy policy e cookie

......................................................................................................................................................................................

Rivista scientifica ISSN: 2281-8960 - registrata presso il Tribunale di Cremona: registro stampa n° 323/2013