Spazio urbano tra reale e virtuale

Giuseppe Giusto

Abstract


Nell’esperienza professionale e di ricerca svolta negli ultimi anni mi sono interessato a quell’architettura a zero cubatura. Quei contesti dove il vuoto predomina sul pieno e dove l’attenzione si è spostata dagli elementi architettonici ai percorsi ed alle relazioni. Si tratta di spazi più o meno sedimentati dove l’appropriazione da parte degli utenti avviene secondo le regole classiche della vivibilità e della fruibilità dello spazio urbano. È inevitabile osservare come alcuni processi di modernizzazione hanno, e stanno modificando, il comportamento degli utenti finali di questi spazi. Pertanto è legittimo innescare un processo di confronto e di critica sulla modificazione del ruolo dei progettisti e delle loro responsabilità come propositori di nuovi modelli.

 

Urban space between real and virtual

In my professional and research experience carried out in recent years I have been interested what it has been defined un-volumetric architecture: those contexts where the void predominates over the full and where attention has shifted from architectural elements to paths and relationships. These are sort of settled spaces which are lived by the users according to the classic rules of livability and exploitability of the urban space. It is inevitable to observe how some modernization processes have, and are still modifying, the behavior of the final users of these spaces. Therefore it is legitimate to trigger a process of confrontation and criticism on the modification of the role of designers and their responsibilities as proposers of new models.


Keyword


spazi urbano, urban design, relazioni urbane, ruolo dello spazio

Full Text

PDF articolo

Riferimenti bibliografici


Aymonino, A., Cavazzano, G. (a cura di), (2007). Architettura Zero Cubatura. Padova: Il Poligrafo

Aymonino, A., Mosco, V. (2006). Spazi pubblici contemporanei. Milano: Skira

Boyer, A., Lefebvre, E. R.. (1994). Amènager les espaces publics. Parigi: Le Moniteur

Amendola, G. (1997). La città postmoderna. Magie e paure della metropoli contemporanea. Bari: Laterza

Koolhaas, R., Boeri, S., Kwinter, S., Tazi, N. e Obrist, H.U. (2000). Mutations. Borde-aux: Actar, Art en Reve Centre d’Architecture

Ratti, C. (2014). Architettura open source. Verso una progettazione aperta. Segrate (Mi): Giulio Einaudi Editore

Palumbo, M. L. (2011). Verso un ecosistema urbano. Arch’it. Rivista digitale di architettu-ra. DADA


Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution 3.0 License.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu sia d'accordo con i cookie da noi utilizzati. Per maggiori informazioni clicca qui: Privacy policy e cookie

......................................................................................................................................................................................

Rivista scientifica ISSN: 2281-8960 - registrata presso il Tribunale di Cremona: registro stampa n° 323/2013