Figure della cura. Un approccio antropologico alla formazione per operatori sanitari a partire dalla letteratura: Walter Benjamin, Thomas Mann

Matteo Canevari

Abstract


L’articolo si focalizza sull’integrazione tra approccio narrativo e approccio drammaturgico nella formazione dei professionisti della cura con la pratica laboratoriale. Il punto di partenza del laboratorio sono alcuni passi scelti delle opere di Walter Benjamin e Thomas Mann, condivisi durante una prima fase narrativa. In un secondo momento, i partecipanti si scambiano le loro personali storie di cura e malattia, che saranno poi messe in scena in brevi performances. Idea chiave è che l’approccio performativo all’immaginario di malattia ne sviluppa la presa di coscienza in modo efficace per dare forma al vissuto e renderlo più gestibile, coinvolgendo il corpo in azione. L’emersione degli immaginari inoltre arricchisce il patrimonio di conoscenza del ricercatore sul campo, sensibilizzando anche l’istituzione sanitaria.

 

Cure figures. An anthropological approach for healthcare professionals from the literature: Walter Benjamin, Thomas Mann

The article focuses on the integration between narrative and dramaturgical approaches to the training of health care professionals. The starting point will be some selected literary passages by Walter Benjamin and Thomas Mann. Following the sharing and discussion of these passages in a workshop, participants will be encouraged to relate their own autobiographical stories of disease and treatment in the form of short performances based on that. My idea is that tackling the imagination of disease and treatment in a performative way, involving the body directly in action, can help to shape emotional responses and enhance resilience. The workshop will be useful both as a training for health workers and as fieldwork on the imagining of disease for researcher. 


Keyword


Narrazione, performance, immaginario di malattia; storytelling, performance, imagination of disease.

Full Text

PDF articolo

Riferimenti bibliografici


Agamben, G. (2006). Che cos’è un dispositivo. Milano: Nottetempo.

Augé, M. (1983). Le sens du mal. Anthropologie, histoire et sociologie de la maladie. Amsterdam : Overseas Publisher Association. [tr. it., Il senso del male. Antropologia, storia e sociolo-gia della malattia. Milano: Il Saggiatore, 1986].

Augé, M., (1997). La guerre des rêves. Exercices d’ethno-fiction. Paris: Seuil.

Beneduce, R. (2002). Trance e possessione in Africa. Corpi, mimesi, storia. Torino: Bollati Boringhieri.

Benjamin, W. (1950). Berliner Kindheit um neunzehnhundert, Frankfurt am Main: Suhrkamp. [tr. it., Infanzia berlinese attorno al millenovecento. Torino: Einaudi, 2001].

Bergson, H., (1889). Essais sur les données immédiates de la conscience. Paris: Alcan. [tr. it., Saggio sui dati immediati della coscienza, Milano: Raffaello Cortina 2002].

Bergson, H., (1938). La pensée et le mouvant. Paris: PUF. [tr. it., Pensiero e movimento. Mila-no: Bompiani 2000].

Bernardi, C. (2004). Il teatro sociale. L’arte tra disagio e cura. Roma: Carocci.

Cagli, V. (2004). Malattie come racconti. La medicina, i medici e le malattie nelle descrizioni di ro-manzieri e drammaturghi. Roma: Armando.

Buttitta, A., Buttitta, E. (2018). Antropologia e letteratura. Palermo: Sellerio.

Canevari, M. (2006). La paura e la speranza. Il teatro sociale nella formazione profes-sionali. Itinerari mediali. Analisi e riflessioni sulla comunicazione, 1, 48-52.

Canevari, M. (2015). Lo specchio infedele. Prospettive per il paradigma teatrale in antropologia. Milano: Mimesis.

Canevari, M. (2001). Sofferenza, malattia e sovranità. Una lettura attraverso Georges Bataille. Aut-Aut, 301-302, 235-248.

Campostrini, A., Manzella, A.; Caracciolo, F. (2018). Teatro fragile. Guida agli effetti delle pratiche teatrali sui malati di Alzheimer. Milano: Mimesis.

Cavarero, A. (2011). Tu che mi guardi, tu che mi racconti. Filosofia della narrazione. Milano: Feltrinelli.

Charon, R. (2008). Narrative Medicine: Honoring the Stories of Illness. Oxford: Oxford University Press.

Cometa, M. (2017). Perché le storie di aiutano a vivere. La letteratura necessaria. Milano: Raffa-ello Cortina.

Cozzi, D., Nigris, D. (1996). Gesti di cura. Elementi di metodologia della ricerca etnografica e di analisi socioantropologica per il nursing. Milano: Colibrì.

Csordas, T., (1994). Embodiment and Experience. The Existential Ground of Culture and Self. London: Cambridge University Press.

Cosrdas, T., (1999). Incorporazione e fenomenologia culturale, tr. it., in Annuario di Antropologia. Roma, 2003: Meltemi, 19-42.

Cusumano, A. (2018). Letteratura e antropologia. Orizzonti incrociati. Dialoghi mediterranei, http://www.istitutoeuroarabo.it/DM/letteratura-e-antropologia-orizzonti-incrociati/ (consultato il 21/04/2020), 1-6.

De Martino, E. (2011). Sud e magia. Milano: Feltrinelli.

Demetrio, D., (1996). Raccontarsi. L’autobiografia come cura di sé. Milano: Raffaello Cortina.

Demetrio, D. (2011). L’autobiografia come pratica di cura e consulenza. In La realtà al congiuntivo. Storie di malattia narrate dai protagonisti, (a cura di) Malvi, C., Milano: Franco Angeli, 60-69.

Donegani, I., Gallo, G., Tomelli, A. (2016). La scena terapeutica del teatro. In Narrare i gruppi, vol. 11, n.1, pp. 43-56. Website: www.narrareigruppi.it.

Eugeni, E., Lupo, A. (2019). Il contributo dell’antropologia alla riconfigurazione delle pratiche mediche, L’Uomo, IX, 1, 11-24.

Farkas, C., A., (2018). Verso la luce. Come fare la prevenzione del benessere dei professionisti sanitari: insegnare l’umanistica già nei corsi pre e postuniversitari, intervista di M., G., Marini, https://www.medicinanarrativa.eu/verso-la-luce-come-fare-la-prevenzione-del-benessere-dei-professionisti-sanitari-insegnare-l-umanistica-gia-nei-corsi-pre-e-postuniversitari, consultato il 27/03/2020.

Fava, F. (2018). Il teatro come metodo educativo. Una guida per educatori e professionisti sociosanita-ri. Roma: Carocci.

Garrino, L., Matricoti, F., Nicotera, R., Martin, B., Barraccino A. Dimonte, V. (2011). L’esperienza teatrale nella formazione alle cure: analisi della letteratura, Tutor, 2-3, II, 74-83.

Geertz, C. (1973). The Interpretation of Cultures. New York: Basic Books. [tr. it., Interpretazione di culture. Bologna: Il Mulino, 1988].

Giarelli, G., (2003). Il malessere della medicina. Un confronto internazionale. Milano: Franco Angeli.

Good, J., B., (1994), Medicine, Rationality and Experience. An Anthropological Perspective. Cambridge: Cambridge University Press.

Godellier, M. (2007). Au fondement des sociétés humaines. Ce que nous apprend l’anthropologie. Paris: Albin Michel. [tr. it. Al fondamento delle società umane. Ciò che ci insegna l’antropologia. Milano: Jaca Book, 2009]

Greenhlagh, T., (1998). Narrative Based Medicine. London: BMJ.

Heidegger, M. (1927). Sein und Zeit. Jahrbuch für Philosophie und phänomenologische Forschung (Vol. III). [tr. it., Essere e tempo. Milano: Longanesi, 1971]

Iori, V., (2009). Il sapere dei sentimenti. Milano: Franco Angeli.

Jaspers, K., (1919). Psychologie der Weltanschauungen, Berlin: Springer [tr. it., Psicologia delle visioni del mondo. Roma: Astrolabio, 1950].

Latour, B. (2005). Reassembling the Social. An Introduction to Actor-Network-Theory. Oxford: Oxford University Press.

Le Breton, D., (2006). Anthropologie de la douleur. Paris: Métailié.

Lévi-Strauss, C. (1949). L’efficacité symbolique, Revue d’Histoire des Religions, 35, 1 [tr. it., L’efficacia simbolica. In Antropologia strutturale. Milano: Mondadori, 1992, 210-230]

Licari, G. (2016). Arte teatrale e salute mentale: riflessioni sul disagio mentale e su nuove forme di cittadinanza attiva. In Narrare i gruppi, vol. 11, n.1, pp. 67-72. Website: www.narrareigruppi.it.

Lupo, A. (2014). Antropologia medica e umanizzazione delle cure, AM Rivista della So-cietà italiana di antropologia medica, 37, 105-126.

Mann, T. (1924). Der Zauberberg. Berlin: S. Fischer Verlag. [tr. it., La montagna incantata. Milano: Dall’Oglio, 1930].

Marini, M., G. (2017). Proteggersi usando la finzione: quando le medical humanities giocano un ruolo migliore della medicina narrativa. https://www.medicinanarrativa.eu/proteggersi-usando-la-finzione-le-medical-humanities-giocano-un-ruolo-migliore-della-medicina-narrativa, consultato il 27/03/2020.

Mauss, M. (1950). Sociologie et anthropologie. Paris: PUF. [tr. it., Teoria generale della magia e altri saggi. Torino: Einaudi, 2000].

Merleau-Ponty, M. (1945). Phénoménologie de la perception. Paris: Gallimard. [tr. it., Fenome-nologia della percezione. Milano: Bompiani, 2003].

Moreno, J., (1924). Das Stegreiftheater. Berlin: Kiepenheuer. [tr. it., Il teatro della spontaneità. Roma: Di Renzo Editore, 2007]

Moreno, J., (1934). Who shall survive? A new Approach to the Problem of Human Interrelations. NY: Beacon House [tr. it., Who shall survive? Principi di sociometria, psicoterapia e socio-dramma. Roma: Di Renzo Editore, 2007]

Mortari, L., (2006). La pratica dell’aver cura. Milano: Mondadori.

Napolitano, S. (2019), La formazione in ospedale: educare i curanti agli aspetti relazio-nali. Intervista alla dottoressa Margherita Gambaro, Responsabile Ufficio For-mazione, San Raffaele, Milano. https://www.medicinanarrativa.eu/la-formazione-in-ospedale-educare-i-curanti-agli-aspetti-relazionali, consultato il 17/05/2020.

Pinotti, A. (2018). Infanzia. In Costellazioni. Le parole di Walter Benjamin, (a cura di) Pinot-ti, A. Torino: Einaudi, 2018.

Quaranta, I. (2012), La trasformazione dell’esperienza. Antropologia e processi di cura, Antropologia e Teatro, 3, 264-290.

Pontremoli, A. (2005). Teoria e tecniche del teatro educativo e sociale. Torino: Utet.

Ricoeur, P. (1984). Temp et récit II. La configuration dans le récit de fiction. Paris: Seuil. [tr. it., Tempo e racconto, Vol. 2, La configurazione nel racconto di finzione. Milano: Jaka Book, 1985].

Rossi Ghiglione, A., (2010). Teatro e salute. La scena della cura in Piemonte. Torino: Ananke

Rossiter, K., Kontos, P., Colantonio, A., Gilbert, J., Gray, J., Keightdey, M. (2008). Staging data: theatre as a tool for analysis and knowledge transfer in health re-search, Social Science and Medicine, 66, I, 130-146.

Sclavi, M. (2005). A una spanna da terra. Una giornata di scuola negli Stati Uniti e in Italia e i fondamenti di una metodologia umoristica. Milano: Bruno Mondadori.

Somaini, A. (2018). Esperienza. In Costellazioni. Le parole di Walter Benjamin, (a cura di) Pinotti, A.. Torino: Einaudi, 2018.

Turner, V. (1982). From Ritual to Theatre. The Human Seriousness of Play. New York: Per-forming Arts Journal Publication. [tr. it., Dal rito al teatro. Bologna: Il Mulino, 1986].

Turner, V.; Bruner, E. (1986). The Anthropology of Experience. Illinois: University of Illi-nois Press. [tr. it., Antropologia dell’esperienza, Bologna: Il Mulino, 2014]

Wagner, R. (1975). The Invention of Culture. Chicago: University of Chicago. [tr. it., L’invenzione della cultura, Milano: Mursia, 1992].

Zannini, L. (2011). Introduzione alle storie di malattia, medical humanities e scritture autobiografiche per la formazione dei professionisti dalla cura. In La realtà al congiuntivo. Storie di malattia narrate dai protagonisti, (a cura di) Malvi, C., Milano: Franco Angeli, 25-47.

Zito, E., (2016), Condividere l’esperienza, conoscere la malattia, comprendere il corpo: campi-scuola per giovani diabetici, Dada Rivista di Antropologia post-globale, 2, 77-106.

Zito, E. (2019), Osservare per apprendere: l’antropologia medica nella (tras)formazione degli infermieri pediatrici, L’Uomo, IX, 1, 119-142.


Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution 3.0 License.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu sia d'accordo con i cookie da noi utilizzati. Per maggiori informazioni clicca qui: Privacy policy e cookie

......................................................................................................................................................................................

Rivista scientifica ISSN: 2281-8960 - registrata presso il Tribunale di Cremona: registro stampa n° 323/2013