“L’invisibile e la solitudine”: linee interpretative per l’insegnamento ai migranti adulti

Giorgio Rini

Abstract


L’epidemia di coronavirus e la quarantena forzata si rivelano l’occasione per instaurare una forma di comunicazione inedita con la realtà. Allo stesso tempo è una situazione che ci spinge verso la consapevolezza della necessità di rivedere il nostro modo di intendere l’esistenza.

  

"The invisible and solitude": interpretative lines for teaching adult migrants

The coronavirus epidemic and forced quarantine are the opportunity to establish a new form of communication with reality. At the same time, it is a situation that pushes us towards foreseeing the need to review our way of understanding existence.


Keyword


epidemia, quarantena, comunicazione

Full Text

PDF Contributo

Riferimenti bibliografici


Giusti E., Ornelli C. (1999). Role play, teoria e pratica nella clinica e nella formazione. Roma: Sovera Edizioni.

ADV Assessment Lab. (2012). 10 Role Play per la negoziazione. Ferrari Sinibaldi, 4

Bettini, M. Lectio nell'ambito del 900fest di Forlì, "Il mito e la colpa: il caso di Edipo". Website: www.repubblica.it

Bauman, Z. (2002). La solitudine del cittadino globale. Milano: Feltrinelli.

Licari, G. (2006). Il mito. Una rilettura antropologica. Padova: Cluep.

Rini, G. Narrazione e racconto del Sé per una didattica del continuum. Website: epale.ec.europa.eu


Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution 3.0 License.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu sia d'accordo con i cookie da noi utilizzati. Per maggiori informazioni clicca qui: Privacy policy e cookie

......................................................................................................................................................................................

Rivista scientifica ISSN: 2281-8960 - registrata presso il Tribunale di Cremona: registro stampa n° 323/2013